L’ITALIANO NEL SECONDO BIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

Nel corso del secondo biennio della Scuola Primaria, l’alunno viene avviato a elaborare conoscenze e ad acquisire nuove abilità in modo che possa poi utilizzare migliori modalità comunicative.

La scuola deve dedicare molta attenzione alle modalità comunicative facendo sistematiche esercitazioni sull’utilizzo dei vari registri usati per comunicare.

Una grande importanza deve essere data alla costruzione del testo sia orale sia scritto prendendo in considerazione vari aspetti:

  • La pianificazione del messaggio.
  • L’organizzazione del messaggio.
  • L’utilizzo degli strumenti linguistici e lessicali più efficaci.

E’ una cosa impegnativa, perciò ogni docente prepara un percorso di lavoro scegliendo le situazioni di apprendimento più idonee ed efficaci per la propria classe.

Le attività che possono essere utili per avviare gli alunni a una reale competenza linguistica sono due:

  • ATTIVITA’ GLOBALI
  • ATTIVITA’ SPECIFICHE

 

ATTIVITA’ GLOBALI

Le attività globali e complesse di comunicazione sono quelle per mezzo delle quali gli alunni imparano a produrre e a comprendere testi sia scritti sia orali.

Esse si sviluppano analizzando testi di vario tipo:

  • Testi narrativi
  • Testi descrittivi
  • Testi regolativi
  • Testi informativi
  • Testi poetici

Analizzando le varie tipologie testuali, gli alunni si appropriano delle tecniche utilizzate dagli autori e adattano la loro capacità linguistica alle diverse situazioni comunicative.

ATTIVITA’ SPECIFICHE

Le attività specifiche di comunicazione servono a fissare l’attenzione su un punto preciso della comunicazione:

  • Lo studio di un suono e la sua realizzazione grafica.
  • L’utilizzo delle forme verbali.
  • La struttura delle frasi.
  • L’uso di un particolare costrutto.

Si passa poi alla “riscrittura“ dei testi analizzati attraverso esercizi specifici, riscrittura che dapprima può essere libera per diventare poi sempre più aderente a vincoli posti dagli stessi alunni a dal docente.

Per saperne di più leggere l'articolo sul TESTO SCRITTO!

 

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web